Le persone preferiscono giudicare o suggerire diverse soluzioni piuttosto che prendersi cura della persona ferita.

Quando un bambino torna a casa piangendo dopo aver litigato con compagno di classe, i genitori dovrebbero essere pronti a offrire una tenera coccola. Ma sentono anche il bisogno di migliorare o risolvere la situazione.

Prima ancora che se ne rendano conto, stanno giudicando il comportamento  più appropriato, suggerendo come l’interazione a scuola e con il suo compagno sia andata storta (“Hai detto che ti dispiace?”).

Potrebbero suggerire comportamenti su come affrontare emotivamente la situazione.

Non prendertela troppo, il compagno ti sta solo prendendo in giro perché è geloso!”).

Potrebbero fornire consigli su come comportarsi diversamente la prossima volta (“Basta imparare a ridere”). Oppure potrebbero considerare l’idea di suggerire come dare un pugno sul naso!

Recentemente, quando un amica si lamentava di aver preso troppo peso durante la gravidanza e che era molto preoccupata per il modo in cui il suo corpo era cambiato, arrivò in soccorso un amico comune con la soluzione magica: “Non puoi camminare un po’ogni giorno ?” .

Non importa quanto siano buone le intenzioni, la persona che “soffre” raramente sta meglio dopo la solitasoluzione.” 

Il problema è più profondo, e spesso si tracina da anni  un dolore irrisolto e che non viene affrontato.

Se non si riconosce e comprende il quadro generale e il motivo scatenante della sofferenza della persona, qualsiasi suggerimento o consiglio non solo è inutile ma in alcuni casi controproducente.

Tutti vogliono evitare di concentrarsi sulla causa, e perdono tempo e risorse emotive cercando di gestire l’effetto.

La vera guarigione avviene quando la persona decide di iniziare il viaggio verso se stesso, con se stesso per se stesso.

Il dolore non si risolverà finché non ci rivolgiamo alla causa autentica. Questo, per me, è un processo attivo importante per affrontare ciò che sta realmente accadendo rispetto al trattare passivamente il problema con un farmaco.  Con un processo attivo, possiamo ottiene ciò di cui si ha bisogno … la presente consapevolezza .

Nel corso degli anni, ho scoperto che le persone con i loro consigli inutili possono rompere una connessione, certo in buona fede ma i risultati sono devastanti. Infatti, spesso, questi suggerimenti altro non fanno che allontanare emotivamente la persona che soffre. Alcuni esempi:

“So cosa stai passando. Sai quando mi sono rotto una gamba …”

Questa è una forma di narcisismo.

Invece di ascoltare, manipolano la conversazione verso se stessi e sui propri problemi come hanno affrontato il problema  “cercano solo di essere utili”. “Quando ho avuto mal di schiena, ho letto questo libro / fatto yoga / ho visto un chiropratico / ho avuto terapia fisica / preso narcotici / provato l’agopuntura e ho evitato l’intervento chirurgico”.

Ciò implica che ciò che ha funzionato per una persona dovrebbe funzionare per un’altra. Forse, ma anche no. Le condizioni di un “cliente” potrebbero essere completamente differenti, e il consiglio anche se benintenzionato potrebbe rivelarsi scorretto, ed effettivamente peggiorare il problema. Quando le persone sono impegnate a parlare delle loro vite o dei loro problemi, non ascoltano profondamente il dolore dell’altro, quindi non stanno davvero creando una connessione.

“Pensi che sia grave?”

Questo è l’approccio tipico, dire che le sofferenze che ha dovuto affrontare erano peggiori,  per diminuire e in alcuni casi sminuire ciò che la parte lesa sta soffrendo. Un buon amico mi raccontò, “Non posso dirti quante storie dell’orrore ho sentito sugli incidenti in bicicletta dopo che mio figlio aveva fatto un grave incidente, dovette stare in ospedale per alcuni giorni con sei costole rotte, un polmone livido, e un braccio rotto. ”

Che senso ha aggiungere altro peso alla persona che già soffre e alla sua famiglia?

A chi servono davvero?

In che modo queste storie sono utili?

E come rinforzano la connessione?

 

“Sono così preoccupato per te”

Questa potrebbe essere la comunicazione più distruttiva di tutti. Se trasmettiamo fiducia ed emozioni positive attraverso i nostri neuroni specchio a loro volta creeranno un ambiente/ stato emotivo, sereno e curativo e un “riordinamento” delle cellule cerebrali, possiamo fare esattamente il contrario quando esprimiamo dubbi, paura e disperazione.

“Lo affronteremo insieme” è una dichiarazione positiva che trasmette sostegno compassionevole e disponibilità a essere pienamente disponibile.

È più divertente e soprattutto utile essere amici e incoraggiare attraverso una connessione premurosa. Almeno con questo atteggiamento, non faremo del male.

 

 

 

Lascia un commento