NeuroHypnoCoach

Autoipnosi

L’autoipnosi è un modo efficace per ridurre lo stress e aprire la mente a nuove idee o processi di pensiero, specialmente quando si ha a che fare con comportamenti problematici come certe dipendenze.

Una breve storia dell’ipnosi moderna

Esiste molto scetticismo e sospetto sull’argomento dell’ipnotismo, specialmente nelle culture occidentali.

Questo scetticismo deriva in parte dall’ipnosi usata come forma di intrattenimento e anche da alcune delle teorie originali sull’argomento.

Franz Anton Mesmer è spesso considerato il progenitore della moderna teoria dell’ipnosi e probabilmente responsabile di parte dello scetticismo che circonda l’argomento.

Mesmer, un medico tedesco, aveva un vivo interesse per l’astronomia e credeva che ci fosse una forza invisibile – un canale per l’energia – da trasferire tra tutti gli oggetti nell’universo.

Questa “energia cosmica ” proveniente dai corpi celesti potrebbe essere imbrigliata da una persona per influenzare il comportamento di un’altra.

Mesmer chiamava il risultato di questo trasferimento di energia “mesmerismo”, il che spiega l’origine della parola ” ipnotizzare “.

Oggi, tuttavia, l’autoipnosi è stato accettato dalla medicina convenzionale come un modo per trattare una serie di problemi tra cui: alleviare lo stress e quindi l’ipertensione, emicranie, disturbi del sonno e aiutare le persone a sconfiggere le dipendenze, come il fumo. 

Inoltre, l’autoipnosi può essere utilizzate per aumentare l’autostima e la fiducia personale, nonché per superare i problemi correlati, come la paura di parlare in pubblico.

Oggi l’ipnosi e l’autoipnosi viene insegnata nelle università di tutto il mondo ed è diventata una delle tecniche mediche gratuite più popolari e ampiamente conosciute.

Come funziona l’autoipnosi

Sfondi : arte digitale, opera d'arte, illustrazione, anime sky, Fantasy  art, ambiente, concept art, all'aperto, spazio, galassia, nebulosa, stelle,  notte stellata, starred sky, skyscape, paesaggio, silhouette, riflessione,  natura, via Lattea, cielo ...

Basato sul lavoro di Sigmund Freud, la mente umana può essere suddivisa in tre aree distinte di coscienza; il conscio, il subconscio e l’inconscio.

Può essere utile pensare a ciascuna parte della mente su una scala di profondità.

Freud credeva che la mente conscia fosse la parte superiore o più superficiale della mente ed è responsabile di dare un senso alle cose di cui siamo direttamente consapevoli, come i livelli di stress.

La mente subconscia è al di sotto della coscienza la maggior parte del tempo, a un livello più profondo – quindi non è così facilmente accessibile e controlla come possiamo sentirci o reagire a determinate situazioni o circostanze, in base a ciò che abbiamo imparato attraverso l’esperienza, in passato. Controlla e regola anche le nostre funzioni corporee essenziali, come la respirazione.

La mente inconscia è la parte più profonda della nostra mente ed è molto più difficile da raggiungere: può includere ricordi soppressi di eventi traumatici.

L’ipnosi funziona raggiungendo uno stato rilassato in cui è possibile immergersi più in profondità delle  nostre menti e riscrivere o riprogrammare il nostro subconscio.

Attraverso il rilassamento fisico e mentale, l’autoipnosi può consentire alle persone di aggirare le loro menti coscienti e introdurre pensieri e idee positive nel loro inconscio.

Al “risveglio” dallo stato ipnotico, i nuovi pensieri e idee nel subconscio, alla fine, influenzeranno la mente cosciente e possono, a loro volta, portare a comportamenti modificati.

L’autoipnosi richiede perseveranza e pratica affinché la mente subconscia possa raccogliere e applicare le nuove suggestioni.

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *