Freud Ipnosi Mario Sparacia

Freud e l’ipnosi

Freud e l’ipnosi  entrarono in connessione con la procedura catartica di Joseph Breur, che definì questi stai amplificati di coscienza “ipnosi”.

Con la scoperta dell’ipnosi, Freud dipende da essa per attivare uno stato di coscienza che produce fantasie spontanee capaci di rivelare fatti nascosti alla coscienza.

L’idea alla base dell’ipnosi di Breur era che i sintomi che vedeva nei suoi pazienti erano basati su ciò che lui chiamava “traumi”, il che significa che ci sono una serie di esperienze traumatiche nelle loro vite che hanno dovuto reprimere per una serie di ragioni.

Breur è andato oltre affermando che l’applicazione o l’uso di una procedura catartica mentre si è sotto lo stato di ipnosi farà sì che il paziente raggiunga o acquisisca una coscienza superiore che offrirebbe loro l’opportunità di alleviare le esperienze represse, portando così al ricordo di un’esperienza.

Freud, d’altra parte, credeva che quando si è sotto ipnosi, non sarebbero stati portati nel profondo desiderio di un sonno provocato.

Con questa opinione, Freud rifiutò l’idea dell’ipnosi e la fece sostituire con quella che chiamava “libera associazione”. 

L’idea di Freud dietro la libera associazione sembra essere in linea con le fantasie spontanee di Breur poiché entrambi affermano che le emozioni o i sentimenti associati a un elemento di un sogno sono riservati nella mente inconscia.

Il desiderio di Sigmund di perfezionare la psicoanalisi è uno dei motivi principali per cui aveva un grande apprezzamento per una vasta gamma di trattamenti verbali di ipnosi come uno di questi.

Durante i suoi primi giorni, Freud ha applicato le “suggestioni ipnotiche”.

Secondo Freud, ogni volta che vengono utilizzati suggerimenti ipnotici per trattare un paziente o un cliente che soffre di qualsiasi forma di problemi legati all’ansia, al paziente o al cliente viene presentata una nuova idea dall’esterno con l’intenzione di sostituire le idee cupe che causano il distruttivo sintomi che il paziente sperimenta. 

Funziona in modo tale da indurre il sonno, silenziare la paura e anche l’abolizione dei disturbi funzionali.

Alla scoperta della reale natura dei sogni

Secondo Van Rentarghem (1915), Freud ha descritto la psicoanalisi come una tecnica che prende di mira la radice di un problema e poi lo sradica.

Per un certo periodo, dopo aver ascoltato le lezioni di Jean Charcot, Freud, che allora era un giovane laureato in medicina, praticò l’ipnosi per un lungo periodo di tempo.

Mentre praticava aveva un grosso ostacolo che era quello di far cadere i suoi pazienti in uno stato di trance. 

Per risolvere questo problema, Freud andò oltre nella ricerca e in quel periodo di tempo scoprì che come l’ipnosi il sonno è uno stato alterato di coscienza e che poiché i sogni si verificano durante il sonno, è possibile avere un’idea dell’inconscio attraverso il sonno.

Credeva fermamente che attraverso il sonno si potesse effettuare un cambiamento nella vita di un paziente.

Questa nuova conoscenza ha portato alla stesura del suo libro intitolato “Interpretazione dei sogni”.

Questo libro è diventato una base per la psicoanalisi.

Nel suo libro, Freud ha sostenuto che invece di suggestioni ipnotiche, il paziente potesse ottenere maggiori e profondi cambiamenti attraverso la psicoanalisi.

La maggior parte dei suoi studiosi è ancora a favore di questa premessa.

Nonostante il fatto che la pratica dell’ipnosi esista da più di 200 anni, molti dei suoi meccanismi rimangono misteriosi.

I suoi effetti possono sembrare al limite del soprannaturale, ma il cervello – come spesso accade – detiene la chiave.

Potrebbe esserci ancora molta strada da fare, tuttavia, fino a quando non avremo compreso appieno la magia di questo potente strumento intrigante chiamato “ipnosi” ci è concesso di sperimentare l’alchimia delle suggestioni ipnotiche in ogni sfumatura della nostra vita.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *