Pensiero Negativo Automatico

La P.N.E Programmazione Neuro Emotiva, si basa su un modello e una teoria secondo cui non sono gli eventi stessi a turbarci, ma i significati che diamo loro.

Se i nostri pensieri sono troppo negativi, continuiamo a mantenere gli stessi vecchi pensieri e non impariamo nulla di nuovo.

Ad esempio, una donna con pensieri depressi potrebbe pensare: “Non posso andare al lavoro oggi: non posso farlo. Nulla andrà bene. Mi sentirò malissimo”.

Come risultato di questi pensieri  e di considerarli come verità assoluta potrebbe benissimo amplificare quella sensazione poco funzionale.

Restando a casa, non avrà la possibilità di scoprire che la sua previsione era sbagliata. Rimane a casa, rimuginando sulla sua incapacità di entrare e finisce per pensare:

Ho deluso tutti. Saranno arrabbiati con me. Perché non posso fare quello che fanno gli altri? Sono così debole e inutile. ”

Quella donna probabilmente si sentirà peggio, e ha ancora più difficoltà ad andare a lavorare il giorno successivo.

Pensare, comportarsi e sentirsi così può dare inizio ad una spirale discendente. Questo circolo vizioso può sfociare in molti diversi tipi di problemi.

Da dove provengono questi pensieri negativi?

Questi schemi di pensiero sono impostati durante l’infanzia e diventano automatici e relativamente fissi e permanenti. Quindi, un bambino che non ha avuto molto amore o attenzione dai genitori ma è stato elogiato solo per il lavoro scolastico, potrebbe pensare: “Devo fare sempre bene. In caso contrario, la gente mi rifiuterà”.

Tale regola di vita (conosciuta come un’ipotesi disfunzionale ) non può essere d’aiuto, in alcun modo, alla persona a lungo termine.

Ma se succede qualcosa che è al di fuori del loro controllo e sperimentano un fallimento, allora il modello di pensiero disfunzionale potrebbe essere innescato. La persona può quindi iniziare ad avere pensieri automatici negativi come “Ho completamente fallito. A nessuno piacerà. Non posso affrontarli. ”

La PNE agisce per aiutare la persona a capire che è questo ciò che sta succedendo. Aiuta a uscire dai loro pensieri automatici negativi e a mettersi alla prova.

La PNE incoraggerebbe la donna in difficoltà menzionata in precedenza a esaminare le esperienze della vita reale per vedere cosa succede a lei, o ad altri, in situazioni simili.

Quindi, alla luce di una prospettiva più realistica, potrebbe essere in grado di cogliere l’occasione per testare ciò che pensano le altre persone, rivelando agli amici qualcosa delle sue difficoltà.

Chiaramente, le cose negative possono e accadono.

Ma quando siamo in uno stato mentale disturbato, potremmo basare le nostre previsioni e interpretazioni su una visione distorta della situazione, facendo sembrare le difficoltà che affrontiamo molto peggio.

In che altro modo differisce dalle altre strutture comportamentali?

La PNE differisce anche da altri percorsi nella natura della relazione che il coach decide di stabilire.

Troppo spesso alcuni “professionisti” incoraggiano il cliente a dipendere dal loro allenatore mentale, come parte integrante del processo del processo.

Il cliente può quindi facilmente vedere il coach come onnisciente e onnipotente.

La relazione è diversa con la PNE.

La PNE favorisce una relazione più equa che è più simile alla negoziazione, focalizzata sul problema e la strategia da perseguire.

Il coach chiederà frequentemente al cliente un feedback e le sue opinioni e il suo  Pensiero Negativo Automatico su ciò che sta accadendo durante tutto il processo.

Ho coniato un termine “neoempirismo connettivo”, che sottolinea l’importanza del cliente e del coach che lavorano insieme per testare come le idee alla base della PNE potrebbero applicarsi alla situazione e ai problemi individuali del cliente.

La PNE è di solito una terapia individuale. Ma è anche adatto a lavorare in gruppo o in famiglia, in particolare all’inizio.

Molte persone trovano grandi benefici nel condividere le loro difficoltà con altri che potrebbero avere problemi simili, anche se all’inizio può sembrare scoraggiante.

Il gruppo può anche essere una fonte di supporto e consulenza particolarmente preziosi, perché proviene da persone con esperienza personale diretta di un problema.

 

Lascia un commento