L’abbigliamento è un linguaggio, un sistema di comunicazione non verbale che attraverso i suoi simboli trasmette molto allo spettatore. Prima che le persone si parlino, i loro vestiti fanno una dichiarazione che esprime il loro sesso, età, classe, professione, origine e personalità, così come quello che sono o ciò che vogliono essere in un determinato momento. Un uomo d’affari è riconosciuto in un abito ben fatto.

La moda può suggerire o segnalare lo stato in un gruppo sociale. I gruppi con alto status culturale amano tenere ‘alla moda’ per mostrare la loro posizione; le persone che non mantengono “di moda” all’interno di una cosiddetta “tribù di stile” possono rischiare di essere emarginate. Perché tenere ‘alla moda’ spesso richiede ingenti somme di denaro, la moda può essere utilizzata per sfoggiare ricchezza (confrontare il consumo evidente). L’aderenza alle tendenze della moda può quindi costituire un indice di benessere sociale e un indicatore della mobilità sociale.
Gli esseri umani spesso indossano articoli di abbigliamento (noti anche come abbigliamento, abbigliamento, indumenti o abbigliamento) sul corpo. Nel suo senso più ampio, l’abbigliamento include coperture per il tronco e gli arti, nonché coperture per mani (guanti), piedi (scarpe, sandali, stivali) e testa (cappelli, berretti).
Gli articoli trasportati anziché usurati (come le borse e gli ombrelli) normalmente contano come accessori piuttosto che come vestiti.
Le donne decorano anche i loro corpi con trucco o cosmetici, profumi, gioielli e altri ornamenti; tagliare, colorare e sistemare i capelli della loro testa e del loro corpo (acconciatura) e talvolta la loro pelle (tatuaggio, scarificazione, piercing). Tutte queste decorazioni contribuiscono all’effetto generale e al messaggio di abbigliamento, ma non costituiscono abbigliamento di per sé.
Le persone indossano abiti per ragioni funzionali e / o sociali. L’abbigliamento protegge il corpo; fornisce anche messaggi sociali ad altri umani.
La funzione include la protezione del corpo contro la luce solare intensa, il caldo estremo o il freddo e le precipitazioni; protezione contro insetti, sostanze chimiche nocive, armi, contatto con sostanze abrasive – in breve, contro tutto ciò che potrebbe ferire un corpo umano non protetto.
Gli esseri umani hanno mostrato estrema inventiva nel concepire soluzioni di abbigliamento per problemi pratici.
Vedi: armatura, muta da sub, costume da apicoltore, pelli da moto, abbigliamento ad alta visibilità.
I messaggi sociali inviati da abbigliamento, accessori e decorazioni possono implicare status sociale, occupazione, appartenenza etnica e religiosa, stato civile e disponibilità sessuale, ecc. Gli esseri umani devono conoscere il codice per riconoscere il messaggio trasmesso. Se gruppi diversi leggono lo stesso capo di abbigliamento o decorazione con significati diversi, chi lo indossa può provocare risposte impreviste.

Status sociale: in molte società, le persone di alto rango riservano per sé capi di abbigliamento o decorazioni speciali. Solo gli imperatori romani potevano indossare indumenti dyeed con porpora di Tiro; solo i capi hawaiani di alto rango potevano indossare mantelli di piume e palaoa o denti di balena intagliati. In altre società, nessuna legge proibisce alle persone di basso rango di indossare indumenti di alta qualità, ma l’alto costo degli indumenti di stato limita effettivamente l’acquisto e la visualizzazione.
Nell’attuale società occidentale, solo i ricchi possono permettersi l’haute couture. La minaccia dell’ostracismo sociale può anche limitare la scelta degli indumenti.

Occupazione: militari, polizia, vigili del fuoco di solito indossano uniformi, così come i lavoratori in molte industrie. Gli scolari spesso indossano uniformi scolastiche, studenti universitari e universitari indossano abiti accademici. I membri di ordini religiosi possono indossare uniformi note come “abitudini”. A volte un singolo capo di abbigliamento o un singolo accessorio può dichiarare la propria professione e / o status – ad esempio, l’alto cappello o il cappello da cuoco indossato da un capo cuoco.

Affiliazione etnica, politica e religiosa: in molte regioni del mondo, gli stili di abbigliamento e ornamento dichiarano l’appartenenza a un certo villaggio, casta, religione, ecc. Uno scozzese dichiara il suo clan con il suo tartan; un ebreo ortodosso la sua religione con le sue pariglie (non di abbigliamento); una contadina francese il suo villaggio con il berretto o la cuffia.

I vestiti possono anche proclamare il dissenso dalle norme culturali e le credenze tradizionali, così come l’indipendenza personale.
Nell’Europa del XIX secolo, artisti e scrittori hanno vissuto la vie de Boheme e vestito per lo shock: George Sand in abiti da uomo, emancipazionisti femminili in bloomers, artisti maschili in gilet di velluto e vistosi berretti. Bohemians, beatniks, hippies, Goths e punk hanno continuato la tradizione (contro culturale) nel ventesimo secolo occidentale.

Ora che haute couture plagia la moda di strada entro un anno circa, la moda di strada potrebbe aver perso parte del suo potere di shock, ma motiva ancora milioni di persone cercando di sembrare alla moda e alla moda. Persone come l’inventore Dean Kamen o il regista Peter Jackson indossano abiti funzionali semplici per prendere le distanze dall’establishment (e possibilmente per attirare ulteriore attenzione).

Stato civile: le donne indù, una volta sposate, “indossano” sindoor, una polvere rossa, nella separazione dei loro capelli; se vedove, abbandonano sindoor e gioielli e indossano semplici abiti bianchi. Uomini e donne del mondo occidentale possono indossare fedi nuziali per indicare il loro stato civile.

Disponibilità sessuale: alcuni indumenti indicano la modestia di chi li indossa. Per esempio, molte donne musulmane indossano un rivestimento per la testa o il corpo (hijab, bourqa o burka, chador, abaya) che proclama il loro status di donne rispettabili. Altri indumenti possono indicare un intento civettuolo. Ad esempio, una donna occidentale potrebbe indossare tacchi a spillo estremi, abiti neri o rossi che si adattano perfettamente al corpo, trucco esagerato, gioielli appariscenti e profumo per mostrare la disponibilità sessuale. Ciò che costituisce modestia e allettamento varia radicalmente dalla cultura alla cultura, all’interno di diversi contesti nella stessa cultura, e nel tempo come diverse mode aumentano e diminuiscono. Inoltre, una persona può scegliere di visualizzare un messaggio misto.

Ad esempio, una donna saudita può indossare un abaya per proclamare la sua rispettabilità, ma scegli un abaya di materiale lussuoso tagliato vicino al corpo e poi accessoria con tacchi alti e una borsa alla moda.
Nonostante l’apparente messaggio di rispettabilità. Allo stesso modo, una studentessa giapponese può indossare l’uniforme scolastica richiesta in un modo (la cintura della gonna arrotolata per accorciare la gonna, le maniche lunghe arrotolate) che dice “studentessa sexy” piuttosto che “brava ragazza”.

Tu cosa comunichi?

Lascia un commento