Reincarnazione

Ancora oggi molti scienziati dissiperanno la nozione di Reincarnazione come un mito da sfatare completamente irrilevante in qualsiasi trattamento terapeutici, tuttavia vi sono sempre più esperti che credono che sia un vero fenomeno reale oltre che essere un potente strumento da utilizzare in sessione.

La reincarnazione è generalmente un concetto religioso che implica che dopo la morte di pochi eletti, le loro anime, menti o coscienze vengono trasferite ad un nuovo involucro “corpo”.

REINCARNAZIONE E VITE PRECEDENTI : PERCHE' NON RICORDIAMO NULLA - Cammina Nel Sole

Per alcuni fantascienza, ma altri scienziati credono che sia un concetto plausibile. Il dott Ian Stevenson, ex professore di psichiatria presso la University of Virginia School of Medicine ed ex presidente del Dipartimento di Psichiatria e Neurologia, ha dedicato la maggior parte della sua carriera alla ricerca di prove della reincarnazione, fino alla sua morte nel 2007.

Il dottor Stevenson afferma di aver trovato oltre 3.000 esempi di reincarnazione durante il suo tempo che ha condiviso con la comunità scientifica.

In uno studio intitolato “Voglie e difetti congeniti corrispondenti a ferite su persone decedute”, il dottor Stevenson ha utilizzato il riconoscimento facciale per analizzare le somiglianze tra il ricorrenti e la loro presunta incarnazione precedente.

35% Dei bambini

Nel suo studio: Circa il 35% dei bambini che affermano di ricordare vite precedenti.

Hanno voglie e / o difetti congeniti che essi (o informatori adulti) attribuiscono alle ferite su una persona di cui il bambino ricorda la vita. I casi di 210 di questi bambini sono stati indagati.

Le voglie erano di solito aree di pelle senza peli e rugosa; alcune erano aree con poca o nessuna pigmentazione (macule ipopigmentate); altri erano aree di aumentata pigmentazione (nevi iperpigmentati).

I difetti alla nascita erano quasi sempre di tipo raro. Nei casi in cui è stata identificata una persona deceduta i dettagli della cui vita corrispondevano inequivocabilmente alle dichiarazioni del bambino.

Quasi sempre è stata trovata una stretta corrispondenza tra le voglie e / o difetti congeniti del bambino e le ferite del defunto.

In 43 dei 49 casi in cui è stato ottenuto un documento medico, ha confermato la corrispondenza tra ferite e voglie.

In uno studio separato, il dottor Stevenson ha intervistato tre bambini che affermavano di ricordare aspetti delle loro vite precedenti.

I bambini

I bambini hanno fatto 30-40 dichiarazioni ciascuno riguardo a ricordi che loro stessi non avevano sperimentato e, attraverso la verifica.

Ha scoperto che fino al 92% delle affermazioni erano corrette.

L’articolo, pubblicato su Scientific Exploration, il dottor Stevenson ha scritto: “In ogni caso è stato possibile trovare una famiglia che aveva perso un membro la cui vita corrispondeva alle dichiarazioni del soggetto. Le dichiarazioni del soggetto, prese come gruppo, erano sufficientemente specifiche da non poter corrispondere alla vita di nessun’altra persona. Riteniamo di aver escluso la normale trasmissione delle informazioni corrette. I soggetti e che hanno ottenuto le informazioni precise relative al viaggio nelle  vite precedenti hanno mostrato sulla persona deceduta in questione mediante un processo paranormale.”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *