Sonno e Ipnosi

Sonno e ipnosi

Ipnosi e sonno, sono stati  di coscienza amplificata (spontaneo o indotto) in cui il soggetto sviluppa una profonda connessione  per massimizzare le proprie risorse per ridurre o risolvere i propri problemi, cambiare alcuni comportamenti o ridurre lo stress.

Perché abbiamo bisogno di dormire?

Il sonno è una funzione essenziale che permette al tuo corpo e alla tua mente di ricaricarsi, lasciandoti riposato e vigile al risveglio.
Un sonno sano aiuta anche il corpo a rimanere sano e ad allontanare le malattie.
Senza abbastanza sonno, il cervello non può funzionare correttamente.
Questo può compromettere la capacità di concentrarsi, pensare chiaramente ed elaborare i ricordi.
La maggior parte degli adulti richiede tra le sette e le nove ore di sonno notturno.
I bambini e gli adolescenti hanno bisogno di dormire molto di più, soprattutto se hanno meno di cinque anni.

Gli orari di lavoro, i fattori di stress quotidiani, un ambiente da letto dirompente e le condizioni mediche possono impedirci di dormire a sufficienza.
Una dieta sana e abitudini di vita positive possono aiutare a garantire una quantità adeguata di sonno ogni notte, ma per alcuni, la mancanza cronica di sonno può essere il primo segno di un disturbo del sonno.

Durante il sonno indotto con l’ipnosi prevale l’emisfero destro del cervello, quello più emozionale e artistico, proprio come durante il sonno:  attraverso l’ipnosi si sperimenta uno stato di rilassamento profondo che è preludio naturale al sonno.

La finalità

Del viaggio è fare in modo che il soggetto possa in seguito imparare a riprodurre da solo questo stato di rilassamento, attraverso l’autoipnosi o utilizzando suggestioni audio in 8d che favoriscono  l’avvento del sonno.

Il nostro corpo ha bisogno di dormire per mantenere la corretta funzionalità e salute.

In effetti, siamo programmati per dormire ogni notte come mezzo per ripristinare i nostri corpi e le nostre menti.

Due sistemi interagenti

L’orologio biologico interno e l’omeostato sonno-veglia – determinano in gran parte i tempi delle nostre transizioni dalla veglia al sonno e viceversa.

Questi due fattori spiegano anche perché, in condizioni normali, di solito restiamo svegli durante il giorno e dormiamo la notte.

Ma cosa succede esattamente quando ci addormentiamo?

Prima dell’era della moderna ricerca sul sonno nei primi anni ’20, gli scienziati consideravano il sonno uno stato cerebrale inattivo.

Era generalmente accettato che al calare della notte e gli input sensoriali dall’ambiente diminuissero, anche il cervello funzionava.

In sostanza

Gli scienziati pensavano che il cervello si spegnesse semplicemente durante il sonno, solo per ricominciare di nuovo quando veniva il mattino.

Nel 1929, un’invenzione che ha permesso agli scienziati di registrare l’attività cerebrale ha sfidato questo modo di pensare.

Dalle registrazioni note come elettroencefalogrammi (EEG), i ricercatori hanno potuto vedere che il sonno era un comportamento dinamico, in cui il cervello a volte era molto attivo e non era affatto spento.

Nel tempo

Studi sul sonno utilizzando EEG e altri strumenti che misuravano i movimenti oculari e l’attività muscolare rivelerebbero due tipi principali di sonno.

Questi erano definiti da schemi elettrici caratteristici nel cervello di una persona addormentata, nonché dalla presenza o assenza di movimenti oculari.

I due tipi principali di sonno

Sono il sonno REM (rapid-eye-movement) e il sonno non-rapid-eye-movement (NREM)

Su un EEG, il sonno REM, spesso chiamato “sonno attivo“, è identificabile dalle sue caratteristiche onde a bassa ampiezza (piccole), ad alta frequenza (veloci) e dal ritmo alfa, nonché dai movimenti oculari da cui prende il nome.

Molti esperti pensano che questi movimenti oculari siano in qualche modo legati ai sogni.

In genere, quando le persone vengono risvegliate dal sonno REM, riferiscono di aver sognato, spesso sogni estremamente vividi e talvolta bizzarri.

Al contrario, le persone riferiscono di sognare molto meno frequentemente quando si svegliano dal sonno NREM.

Fattori determinanti

  • Età
  • La quantità di sonno o di veglia.
  • L’ora del giorno o della notte rispetto all’orologio biologico interno di un individuo.
  • Comportamenti prima di andare a dormire come l’esercizio fisico.
  • Stress.
  • Condizioni ambientali.
  • Temperatura.
  • Luce.
  • Rumori esterni.

Migliorare con disciplina la qualità del sonno

Se hai problemi a dormire, esegui i seguenti passaggi per dormire meglio la notte.

Adotta un programma di sonno regolare

Vai a letto e svegliati alla stessa ora ogni giorno.

Più regolare è il tuo programma, più facile sarà per il tuo corpo assumere un ritmo riposante.

Evita alcol e caffeina a fine giornata

Bere una tazza di caffè o un bicchiere di vino nelle ore serali può interferire con un sonno profondo.

Il caffè è uno stimolante e può impedirti di addormentarti.

L’alcol può aiutarti ad addormentarti più velocemente, ma è noto che interferisce con la qualità del riposo; può farti svegliare nel cuore della notte o al mattino presto.

Spegni la luce (blu)

L’elettronica che emette luce blu, come televisori, computer e smartphone, può anche ridurre la qualità del riposo.

Cerca di evitarli per almeno un’ora prima di andare a dormire.

Esercizio 

L’esercizio fisico regolare può promuovere la qualità del riposo, ma quando possibile, allenati all’inizio della giornata.

L’esercizio prima di coricarsi può essere stimolante, rendendo più difficile addormentarsi.

Crea un ambiente riposante

Le persone tendono a dormire meglio in stanze fresche, buie e silenziose.

Preparare il terreno per una notte riposante può aiutarti a dormire più profondamente.

Fatti controllare

Se ti senti spesso stanco al risveglio o hai difficoltà a stare sveglio tutto il giorno, o se il tuo partner nota il tuo russare o il tuo respiro si ferma per brevi periodi durante la notte, potresti avere un’apnea ostruttiva.

Una visita dal tuo medico di base o da uno specialista può portarti sulla strada per una terapia efficace.

In definitiva, sebbene tu possa pensare ai problemi del sonno come a un fastidio, è importante per la tua salute a lungo termine che li prendi sul serio e ottieni aiuto se pensi di averne bisogno.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *